SOVRAINDEBITAMENTO INTERPRETAZIONE DEL DECRETO

SOVRAINDEBITAMENTO - CRISI DELL’IMPRESA DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179, CONVERTITO DALLA LEGGE 17 DICEMBRE 2012, N. 221, RECANTE MODIFICHE ALLA LEGGE 27 GENNAIO 2012, N. 3 IN TEMA DI PROCEDURE DI SOVRAINDEBITAMENTO. DECRETO LEGGE 22 GIUGNO 2012, N. 83, CONVERTITO DALLA LEGGE 7 AGOSTO 2012, N. 134, RECANTE MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE PREMESSA Nella Gazzetta Ufficiale n. 294 del 18 dicembre 2012 (Supplemento Ordinario n. 208) è stata pubblicata la legge 17 dicembre 2012, n. 221 che prevede la “conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”. All’articolo 18 del citato DL n. 179/2012 sono state introdotte rilevanti modifiche alla disciplina della crisi da sovraindebitamento (cd. insolvenza civile) di cui alla legge 27 gennaio 2012, n. 31. Tali modifiche si applicano ai procedimenti instaurati a decorrere dal trentesimo giorno successivo a quello dell’entrata in vigore della legge di conversione n. 221/2012 (e cioè il 19 dicembre 2012) e quindi dal 18 gennaio 2013, ex comma 2 della citata disposizione. La novella completa un’ampia opera di riforma che, nell’anno 2012, ha visto il legislatore nazionale impegnato sulle tematiche della crisi dell’impresa e dell’insolvenza civile. Si rammenta infatti che anche la disciplina delle procedure concorsuali ha subito rilevanti modifiche con il DL 22 giugno 2012, n. 83, recante “misure urgenti per la crescita del Paese”, convertito con modificazioni dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’11 agosto 2012 n. 187 (Supplemento Ordinario n. 171). Si riporta di seguito un’analisi in merito al nuovo quadro normativo di riferimento in materia di insolvenza civile e crisi d’impresa, prodottosi con le citate disposizioni. * * * 1 Oggetto di commento con la Circolare ABI, serie legale n. 10 del 18 aprile 2012.